Maledetta cervicale!

Pubblicato 12 aprile 2013 da lapolemicadomata

Il 7 dicembre 2008 dopo 13 anni di esperienza, cado con lo snowboard a pochi passi dalla fine dell’ultima pista di rientro serale. È sempre così, si è stanchi, si intravede il divano… Cado secca con la testa a valle, picchio forte e mi accorgo subito di un lancinante dolore al polso sinistro. Ci son caduta con tutto il peso sopra e si è rotto. La posizione di mano e braccio me ne davano la conferma. Non era fattibile il rientro con le mie gambe. Nonostante non fossi alla mia prima frattura (metatarso cadendo in moto), questa era particolarmente dolorosa e ho avuto bisogno del soccorso del toboga. E poi via in ospedale giù a valle. Tutta la mia concentrazione sul polso, sul dolore e sulla vitaccia che mi aspettava per il prossimo paio di mesi…il colpo alla testa lo ricordavo ma passava in secondo piano. Non avevo il casco, sono cresciuta che ancora non era di comune utilizzo e frequentavo ormai talmente poco le piste che ingenuamente non ho ritenuto necessario modificare la mia attrezzatura.
Solo due anni dopo sono riuscita a collegare il mio crescente problema alla cervicale con quell’incidente. L’ultimo tratto della mia spina dorsale ha subito un raddrizzamento innaturale e i dolori erano sempre peggio. Non si concentravano sul collo, ma su testa, nuca e arcata dentale. Una risonanza fatta vedere ad un buon chiropratico ha risolto il mistero: con la caduta avevo subìto un forte colpo di frusta, mai curato nei due anni a seguire. Il medico mi ha rimessa in sesto ma puntualmente il dolore ritorna, dopo alcuni mesi, dopo sforzi inconsueti, con l’umidità del clima. Nessun rimedio farmacologico mi aiuta, solo un momentaneo sollievo con la miracolosa agopuntura di mio marito.
Questa mattina in palestra avevo la mia lezione settimanale di pancafit, pare faccia miracoli, ma il nuovo istruttore ha insistito sull’allungamento cervicale e oggi sto vivendo l’inferno. È così sconfortante e ingiusto sapere che ci sono acciacchi, incidenti, dolori che ti porterai dietro per tutta la vita, qualsiasi cura tu possa tentare…

Annunci

Un commento su “Maledetta cervicale!

  • Stai parlando con una costretta nel collare… spero temporaneamente, e spero che serva a risolvere! Mi hanno tamponato, sembrava uno cosa da niente, e ora mi fa male anche la dentatura!

  • Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

    PAROLE DI GUSTO

    Le dolci frivolezze di Lisa Lini

    frigadindi

    Impara la tua direzione da gente che non ti assomiglia

    CAPITOLO 11- La Dona

    In via delle "Parole Sparse"

    L'AlTrO (lato)

    " Per sentire e sognare in pace, bisogna spegner la luce della ragione... almeno per un po'. "

    Garden tourist

    Exploring garden design culture (Italian & English)

    Il mio giornale di bordo

    Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

    Viaggiando con Bea

    E' bello raccontarvi dei miei viaggi e dei miei esperimenti tra i fornelli

    Carissima me,..LA FORZA DELLE DONNE!

    Ci vorrebbe un supereroe per vendicare tutte le donne con il cuore spezzato..mi candiderei molto volentieri..sarei perfetta come Wonder Luppy!!! Carissima me,..#LEGGETE PER CREDERE!

    Shock Anafilattico

    Gatti non foste a viver come bruti

    Affy

    a fine binario

    La Lunatica V.

    Trova rifugio nella tua mente.

    memoriediunavagina

    m'hanno detto che essere donna è bello, ma nella prossima vita preferirei rinascere maschio, magro e superdotato

    Il nuovo mondo di Galatea

    Diario ironico dal mitico nordest

    La Tana

    " Ama il prossimo tuo come te stesso ". Perché pretendere da me tanto cinismo?

    Elisabetta Pendola, blogger per pochi

    Le mie cicatrici sono come il sorriso sui sofficini

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: