Il vero panico da dentista.

Pubblicato 22 gennaio 2014 da lapolemicadomata

Dopo una vita passata dal dentista, dallo stesso dentista, ho voluto provare un dentista dell’asl.
Parlano tutti bene di questo reparto nell’ospedale della mia città. Da troppo tempo non facevo una visita.
Prenoto. 6 mesi di attesa! Eh ben!
Nelle vacanze di Natale – e quando se no? – mi si gonfia la gengiva, il dente duole e temo una carie o una infiltrazione sotto all’otturazione.
Non resisto, chiamo il mio solito dentista che mi rifila una bella lavata di capo per la lunga assenza dalla sua poltrona. Poi suggerisce un’altra lavata, più dolorosa: la pulizia dei denti, nota tortura medievale!
Entusiasta per non aver nulla di grave accetto di farla immediatamente ma le gengive sono così infiammate che la seduta viene spezzata in due momenti differenti, a distanza di 15 giorni.
Oggi la seconda seduta. Il dolore lo tollero bene, sono abituata, ma il vero chock è la parcella.

200€ per una pulizia dei denti da 10 + 10 minuti. Zero materiali. Fatta dall’igienista.

E pare proprio che il mio sia uno dei dentisti più “corretti” della zona…
Altro che mal di denti, questi sono dolori veri. E ora di andare a letto ho ancora mal di stomaco!

Anno nuovo, nuovo progetto.

Pubblicato 4 gennaio 2014 da lapolemicadomata

Stasera il sonno si è impadronito di me ad orari che di solito sono il fulcro della mia giornata.
Per fortuna posso starmene sul divano, al caldo, con una tazza di camomilla – sì, infierisco – e le mie due micine addosso. Tv e abat-jour soffusa. Non ho voglia di lavorare al pc, anche se oggi ho concluso davvero poco.
Ho però pianificato un progetto. Un altro lavoraccio. Altra partenza da zero. Utilità non garantita ma fooorse potrà portare alcuni miglioramenti. Tento anche quello.
Inizierò domattina e probabilmente ne sarete partecipi anche voi.

Un augurio a tutti che il 2014 abbia in serbo almeno un paio di quelle cose che ognuno di noi sogna.

Il boss della via.

Pubblicato 28 dicembre 2013 da lapolemicadomata

A volte penso a quanto sia stato felice il mio super gattone rosso di 8 anni di cambiare casa.
Ma allora i gatti non sono solo degli abitudinari legati al loro luogo famigliare.
Sono come noi che, legati sì ma quando c’è di meglio, sappiamo apprezzare il salto di qualità.
E lui l’ha apprezzato eccome! Si è accorto immediatamente di averci guadagnato parecchio nello scambio. Nemmeno 24 ore di ripensamenti o dubbi.
Dopo 7 anni da solo in alloggio, ha visto il giardino e si è precipitato a delimitarne i suoi confini, anzi, si è subito lanciato in un’ardua battaglia con l’ormai ex boss della via, conquistando territori annessi e la fedeltà di un paio di scagnozzi.
Oggi il mio rossone è l’incontestato capo, tra i tanti mici che qui sono amatissimi.
Lui controlla, decide, dà permessi o meno. Lo vedo pieno di sè, soddisfatto, VIVO!
Lo amo e sono tanto felice di avergli fatto inconsapevolmente questo regalo.

Pacco celere 1 (mese).

Pubblicato 25 dicembre 2013 da lapolemicadomata

Qualche giorno fa – ok, lo ammetto, un po’ all’ultimo minuto – mi reco in posta a spedire un classico cesto natalizio. Leggero, abbastanza piccolo.
Era venerdì mattina, così il pacco poteva esser preso in consegna a partire il giorno stesso.
L’intenzione era farlo recapitare entro Natale.
L’impiegata mi avvisa immediatamente che con un celere3 non sarebbe mai arrivato.
E già qui avrei qualcosa da ridire….

Ok, spendo 11,40€ e scelgo celere1.
Ma la solertissima donna, con tono e sguardo ad enfatizzare la scontatezza della sua affermazione, precisa che molto probabilmente nemmeno con un celere1 sarebbe arrivato in tempo perchè “siamo sotto Natale, abbiam tanti di quei pacchi…”.
E qui da ridire ne avrei diverse!
1- Natale viene ogni anno il 25 dicembre, potreste anche organizzarvi meglio e per tempo.
2- Tre giorni più due con sabato e domenica potrebbero anche bastare a mio avviso per raggiungere Modena dal Piemonte.
3- Se non puoi garantire un servizio che pago per esser garantito, non offrirlo!
Eppure son stata costretta a pagarlo, l’alternativa era un pacco ordinario che avrebbe sicuramente fatto finire panettone e cioccolata sulla tavola del primo postino intraprendente.

Comunque non ho ancora ricevuto un messaggio di ringraziamento.
O il mio amico è un maleducato, o il celere1 ha fallito come previsto, o il postino aveva troppa voglia di panettone e cioccolata!

Un Natale a gambe all’aria.

Pubblicato 22 dicembre 2013 da lapolemicadomata

Quest’anno, con mesi di anticipo, avevo deciso un regalo di Natale artigianale che andasse bene per tutti.
Avrei fatto biscotti. Un paio di ricette, ormai super collaudate, mi riescono bene. Un paio di formine natalizie, glassa colorata, una di quelle scatoline natalizie di cartone e il gioco è fatto.
Avevo in mente di chiudere la scatolina con una decorazione per l’albero fatta a mano, in panno.
Sì, ero soddisfatta di questa idea. Personale ed economica.

Poi un impegno, poi un lutto, poi una grana, poi disguidi a raffica perchè si sa che quando ne va storta una, spesso poi te ne cadono addosso mille.
Il tempo è volato come sempre. E mi ritrovo a far biscotti il 22 dicembre, malata, acciaccata, con ingredienti mancanti perchè non esco a fare spesa da giorni.
Uff che delusione.
Addio alla decorazione per l’albero, non ho tempo e non ho forze.
Addio a decine di scatolette per biscotti.
Son stranamente felice di ricevere ogni anno sempre meno regali. È un pensiero triste ma sono meno regali da contraccambiare. E oggi tra i pochi soldi disponibili e il tempo che fugge via, è un bene poter concentrare quel poco su alcuni pensieri a cui si tiene davvero tanto.

Un lavoro che piace davvero.

Pubblicato 16 dicembre 2013 da lapolemicadomata

Ho sempre pensato che non esistesse veramente un lavoro che piace talmente tanto da non vedere l’ora di esercitarlo, ogni mattina.
Mi pareva una situazione ideale da film. E di tutti quei personaggi che non hanno alcuna vita famigliare o sociale che li facesse schizzar via dal posto di lavoro al termine del turno quotidiano.

Ora, per caso, sto facendo qualcosa che mi piace. Mi entusiasma. Mi fa alzare la mattina prima del solito per correre al pc. E ne potrebbe uscire un lavoro. Ci sono vicina. Sono propositiva, attiva, su di giri ma anche ansiosa.
L’attesa è snervante anche se mi butto nel super lavoro.
Mi impegno tantissimo. I risultati sono molto buoni e ben visibili ma farsi notare nel campo non è una passeggiata.
Per Natale allora cosa chiedo?
L’occasione giusta, o una botta di culo…

PAROLE DI GUSTO

Le dolci frivolezze di Lisa Lini

frigadindi

Impara la tua direzione da gente che non ti assomiglia

CAPITOLO 11- La Dona

In via delle "Parole Sparse"

L'AlTrO (lato)

" Per sentire e sognare in pace, bisogna spegner la luce della ragione... almeno per un po'. "

Garden tourist

Exploring garden design culture (Italian & English)

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

Viaggiando con Bea

E' bello raccontarvi dei miei viaggi e dei miei esperimenti tra i fornelli

Carissima me,..LA FORZA DELLE DONNE!

Ci vorrebbe un supereroe per vendicare tutte le donne con il cuore spezzato..mi candiderei molto volentieri..sarei perfetta come Wonder Luppy!!! Carissima me,..#LEGGETE PER CREDERE!

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Affy

a fine binario

La Lunatica V.

Trova rifugio nella tua mente.

memoriediunavagina

m'hanno detto che essere donna è bello, ma nella prossima vita preferirei rinascere maschio, magro e superdotato

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

La Tana

" Ama il prossimo tuo come te stesso ". Perché pretendere da me tanto cinismo?

Elisabetta Pendola, blogger per pochi

Le mie cicatrici sono come il sorriso sui sofficini